Notizie e Avvisi Vedi archivio

  • 18 giugno, 2018

    Il Regolamento europeo per la protezione dei dati nell'ambiente online per l'anno di formazione e prova

    Sono state aggiornate le informazioni relative al trattamento dei dati personali dei docenti coinvolti nella formazione, in conseguenza dell’introduzione del Regolamento europeo lo scorso 25 maggio. Per gli interessati, cioè per gli utenti dell’ambiente, i docenti, i cambiamenti non sono radicali e si sostanziano nel rinnovo del consenso e della presa visione delle nuove informative.

    Queste sono state modificate per inserire i riferimenti al Regolamento e il nome e i contatti del nuovo responsabile per la protezione dei dati (DPO) di Indire, cui è possibile rivolgersi per ogni questione inerente il trattamento dei dati.

    Il Titolare del trattamento dei dati è il MIUR, Responsabile è INDIRE nominato quale Responsabile esterno del trattamento dei dati personali dei docenti tutor e dei docenti in formazione, con apposito atto, dal Titolare (MIUR).
    Nomina del Responsabile della Protezione dei Dati: ai sensi dell'articolo 37 del Regolamento, il Titolare del trattamento (MIUR) ha nominato un proprio DPO i cui compiti e recapiti sono pubblicati all’indirizzo http://www.miur.gov.it/web/guest/altri-contenuti-protezione-dei-dati-personali . Allo stesso modo, il Responsabile del Trattamento (INDIRE) ha nominato un proprio DPO i cui recapiti sono pubblicati all’indirizzo http://www.indire.it/privacy/ La base giuridica del trattamento dei dati, cioè la sua liceità deriva dall'art.15, comma 3, del DM 850/2015 il quale disciplina il periodo di formazione e di prova del personale docente ed educativo ai sensi all’art. 1, commi da 115 a 120 della legge 107/2015, assegnando all’INDIRE la predisposizione e la gestione delle risorse digitali e dei supporti telematici per la realizzazione della formazione online dei docenti neoassunti. In considerazione della relazione tra MIUR e INDIRE e della normativa (DM 850/2015 e legge 107/2015) che regola la formazione iniziale dei docenti, INDIRE tratta i seguenti dati personali:

    1. dati di navigazione degli utenti
    l’informativa è disponibile all’indirizzo http://www.indire.it/privacy/ e include una sezione destinata a chiarire la funzione dei cookies. Indire non effettua alcuna profilazione e non mette in atto azioni finalizzate ad identificare le abitudini di navigazione degli utenti, ma utilizza questi dati in forma anonima, al solo fine di ricavare informazioni statistiche sull'uso del sito e controllarne il corretto funzionamento. Benché non richiesto dalla normativa, la politica adottata da Indire prevede l’acquisizione esplicita del consenso dell’utente all’utilizzo dei cookies. Il mancato consenso non impedisce comunque la corretta navigazione del Portale.
    2. dati personali richiesti per accedere al servizio di assistenza (http://neoassunti.indire.it/2018/ticket.php) (nome, cognome, codice fiscale, e-mail).
    I dati personali vengono utilizzati al solo fine di consentire un riscontro puntuale alle richieste di assistenza pervenute e per le eventuali successive comunicazioni correlate. Il monitoraggio costante dei servizi resi e l’intervento tempestivo rispetto a segnalazioni di anomalie di funzionamento degli stessi consente un aumento dell’efficacia della. Indire non effettua alcuna profilazione per questi dati resi volontariamente. Prima di inviare una richiesta di assistenza, è prevista la conferma di presa visione dell’informativa Privacy e la richiesta esplicita di consenso al trattamento dei dati. Il consenso è facoltativo, ma il mancato conferimento comporta l’impossibilità di sottomettere una richiesta di assistenza.
    3. dati personali richiesti in fase di iscrizione alla piattaforma http://neoassunti.indire.it/registrazione/ (nome, cognome, sesso, data di nascita, provincia di nascita, comune di nascita, codice fiscale, e-mail, codice meccanografico della scuola di servizio, nazionalità).
    L’acquisizione di questi dati è necessaria per fornire i servizi informatici connessi alla formazione online e consentire l’interazione dei docenti con l’ambiente, compresa l’indicazione del docente tutor. Il consenso è facoltativo, ma il mancato consenso al loro trattamento non consentirà l’accesso all’ambiente di formazione previsto dal DM 850/2015.
    4. dati personali autonomamente inseriti nell’ambiente di formazione.
    In nessun caso i dati personali acquisiti in questa fase verranno resi pubblici in modo da risalire all’identificazione degli autori. I dati potranno altresì essere utilizzati in forma aggregata e anonima al fine di monitorare l’azione formativa e predisporre il conseguente rapporto per conto del MIUR (cfr. rapporto di monitoraggio della formazione 2015/16 ). In questo caso i dati sono anonimizzati e non consentono in alcun modo identificare gli interessati, per questo non è necessario acquisire il consenso degli interessati.
    5. dati personali di terzi (in particolare studenti minorenni e/o maggiorenni) inseriti autonomamente dai docenti nelle sezioni dedicate alla documentazione delle attività didattiche. Per questi dati il docente è responsabile di acquisire il consenso esplicito da parte dei genitori/tutori o degli studenti stessi se maggiorenni secondo il seguente modello: • Modello di liberatoria per chiedere il consenso di acquisire foto o video-riprese di studenti minorenni e maggiorenni

    RACCOMANDAZIONI FINALI E DICHIARAZIONE D’IMPEGNO INDIRE

    Per quanto riguarda le situazioni ai punti 4 e 5, Indire consiglia esplicitamente di non inserire categorie particolari di dati personali (ex dati sensibili e giudiziari). In ogni caso fornisce la garanzia che questi non verranno in nessun modo resi pubblici.

    Come descritto al punto 3, i dati destinati alla pubblicazione vengono analizzati in forma aggregata e anonima ai soli fini di monitorare la formazione, e per scopi statistici e scientifici. Indire si impegna a non pubblicare dati personali che consentano l’identificazione diretta o indiretta degli interessati.

    Per maggiori informazioni:
    Protezione dei dati personali: un diritto fondamentale per ogni essere umano. Il Regolamento europeo per la protezione dei dati